ENTE ACCREDITATO DAL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA     AFFILIATO AL CNA
VERSIONE ACCESSIBILE
Home > F.I.M. > FAQ

FAQ

Frequently asked questions

Per accedere agli studi di musicoterapia occorre una laurea triennale di Conservatorio?

La Norma UNI 11592, richiede EQF 6 (European Qualification Framework). La richiesta pone i professionisti in regola con le richieste dei paesi europei dove la musicoterapia è riconosciuta. Nello specifico della musicoterapia la laurea triennale non è certo una laurea qualsiasi bensì un titolo di studio riguardante la musica.

E’ vero che la Norma UNI 11592 ha subito modifiche?

La Norma UNI 11592 è stata resa pubblica nell’ottobre 2015. Per qualche anno la Norma non sarà soggetta a modifiche.

La musicoterapia è di natura medico / clinica?

L’art. 1, comma 2, della L. 4/2013 dispone che:
«ai fini della presente legge, per professione si intende l’attività economica, anche organizzata, volta alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi, esercitata abitualmente e prevalentemente mediante lavoro intellettuale, o comunque con il concorso di questo, con esclusione delle attività riservate per legge a soggetti iscritti in albi o elenchi ai sensi dell’art. 2229 c.c.,delle professioni sanitarie e delle attività e dei mestieri artigianali, commerciali e di pubblico esercizio disciplinati da specifiche normative».
Dalla “Norma UNI 11592 sulle Artiterapie
Pag. 3 Introduzione - punto 1 - nota 1):
“Le Artiterapie avendo come obiettivo il benessere, non sono professioni sanitarie e non svolgono attività riservate a professioni sanitarie. In questo senso il termine “terapia” non è inteso in un’accezione strettamente sanitaria, bensì in un riferimento alla nozione estensiva di “salute” (e quindi inevitabilmente anche di “terapia”) così come formulato dall’OMS “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”. Se la salute viene definita in questa maniera è inevitabile che il suo raggiungimento e il suo ripristino non possa passare esclusivamente per la funzione delle professioni sanitarie. Le Artiterapie sono pertanto anche impiegate in ambito sanitario come risorse complementari e aggiuntive, sempre e comunque su indicazione e sotto la responsabilità di personale sanitario, in linea con la loro storia e la loro tradizione”.

La Musicoterapia, all’interno delle Artiterapie, è di natura artistica. IL musicoterapeuta si impegna per entrare in relazione con ogni singola persona. E’ assurdo pensare che il musicoterapeuta possa intervenire sui sintomi di una malattia!

Siamo obbligati a rispettare la legge 4/ 2013 3 la Norma UNI 11592?

La legge 4/2013 3 la Norma UNI 11592 sono i riferimenti che possiamo accettare per aderire ad una regolamentazione. Il singolo professionista non è tenuto ad adeguarsi alla legge 4/2013 e alla Norma UNI 11592. In questo caso è libero di aderire ad un mercato che non conosce regole, dove tutto è il contrario di tutto.

LE PROFESSIONI REGOLAMENTATE
¥ E’ definita tale l’attività riservata per disposizione di legge o non riservata, il cui esercizio è previsto solo a seguito di iscrizione in ordini o collegi subordinatamente al possesso di qualifiche professionali o all’accertamento delle specifiche professionalità (D.P.R. 7/08/2012 N.137).
¥ Sono disciplinate da leggi speciali e dal codice civile artt. 2229 e ss c.c.

LE PROFESSIONI NON REGOLAMENTATE
¥ Tutte le professioni che non hanno ottenuto il riconoscimento legislativo.
¥ La figura dell’Arteterapeuta rientra tra le professioni non regolamentate.
¥ Sono ora disciplinate dalla LEGGE 14 GENNAIO 2013 N. 4: «Disposizioni in materia di professioni non organizzate».

E’ utile la certificazione?

ACCREDIA è l’organo di controllo per le qualifiche professionale per le nuove professioni. ACCREDIA ha autorizzato enti che verificano la professionalità riguardante le nuove professioni. Anche in questo caso una persona può ricorrere al “fai da te”. L’ente certificatore sottopone I professionisti delle nuove professioni a prove d’esame. L’ente certificatore è tenuto a rispondere dell’operato dei professionisti certificati. Il professionista non certificate risponde di se stesso oppure, se facente parte di una associazione, avrà il direttivo ed il president che rispondono per lui. La legge 4/2013, a questo proposito, prevede sanzioni penali.

Che valore ha un corso di musicoterapia qualificato?

La qualificazione di un corso di musicoterapia è affidata ad un ente autorizzato da ACCREDIA. La qualificazione comporta la verifica della strutturazione e organizzazione sociale, culturale, professionale del corso a tutela dei corsiti, dei docenti, dell’utenza.